Il sorriso è il nostro biglietto da visita e prendersene cura è importante. Se stai pensando di risolvere il problema di denti mancanti con una protesi fissa ecco tutto quello che devi sapere.

Cosa si intende per protesi fissa? E’ davvero una soluzione sicura e permanente? Quali sono le tecniche e i materiali impiegati che possono garantirmi un’ottima qualità?

La continua ricerca in campo odontoiatrico, l’impiego di tecnologie innovative e l’evoluzione dei materiali a disposizione per la realizzazione di supporti protesici permette oggi di avere protesi fisse molto naturali, resistenti e funzionali. Per questo le protesi fisse sono la migliore soluzione per risolvere il problema legato alla mancanza di denti.

Cos’è una protesi fissa?

La protesi dentale fissa è un supporto costituito da elementi dentali artificiali fissati in modo permanente e stabile che permette la sostituzione di denti mancanti e la conseguente riabilitazione di funzioni orali, estetiche e fonetiche.

Oggi vengono definite protesi fisse diverse applicazioni che possono essere classificate in tre tipi a seconda della loro costituzione e funzione:

  • Corone e faccette: vengono generalmente usate come protesi fisse di ricostituzione in quanto permettono di ricostruire parti del dente e proteggerlo da ulteriori alterazioni.
  • Protesi a ponte: in questo caso rappresentano protesi fisse di sostituzione cementate a denti pilastro naturali
  • Impianti: sono oggi la soluzione più stabile e duratura oltre che esteticamente molto naturale.

 

Quali sono allora le caratteristiche che fanno di un impianto fisso un intervento di qualità?

L’implantologia dentale è una nuova branchia dell’odontoiatria moderna in continuo sviluppo ed aggiornamento che si avvale di strumenti computerizzati all’avanguardia e materiali innovativi per offrirci soluzioni dall’aspetto sempre più naturale e funzionale.

L’impianto fisso consente la sostituzione di uno o più denti grazie all’inserimento chirurgico di pilasti in titanio sull’osso mascellare o mandibolare.

  • Procedura indolore
    La procedura avviene in anestesia locale ed è quindi indolore. Successivamente vengono posti gli elementi dentali artificiali al di sopra dei perni per un risultato esteticamente molto apprezzabile, stabile e resistente nel tempo.
  • Materiali biocompatibili
    I materiali utilizzati sono tutti biocompatibili e altamente testati per offrire esperienze di alta qualità come ceramiche e ossidi metallici altamente controllati e certificati per l’uso biologico.
  • Carico immediato
    L’implantologia moderna ha permesso inoltre proteizzazioni rapide come nel caso dell’impianto a carico immediato che consente di ridurre molto i tempi di attesa per ottenere una soluzione definitiva e di alto pregio.
  • Esami preoperatori e pianificazione dell’intervento
    Fondamentale poi è l’uso combinato di strumenti radiologici innovativi come la Tac Cone Beam che consente una precisa valutazione e pianificazione oltre alla possibile  simulazione computerizzata del tipo di intervento che si vuole intraprendere per offrire soluzioni sempre più personalizzate e attente alle nostre esigenze.
  • Chirurgia guidata
    La valutazione preoperatoria consente di preparare delle mascherine da inserire in bocca al momento dell’intervento chirurgico che servono come guida al trapano del dentista. In questo modo si aumenta la precisione dell’inserimento del “perno” e si aumenta l’effetto estetico finale.

Vuoi scoprire di più sugli impianti? Nella guida alla salute della bocca ho dedicato un capitolo proprio a questo argomento.